Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Un potente farmaco non ancora prescrivibile, per malattie cardiovascolari, metaboliche, ortopediche e neurologiche

C’è un potente farmaco del quale sono da anni note le evidenze scientifiche degli effetti terapeutici e preventivi, ma che non viene mai prescritto dai medici di base.

Un farmaco assolutamente necessario e vitale contro malattie cardiovascolari, del metabolismo, ortopediche e neurologiche, sia per pazienti che hanno già contratto la malattia che per persone a rischio (sovrappeso, obesi, ipertesi, ipercolesterolemici, depressi); praticamente metà della popolazione italiana rientra in queste categorie e ne trarrebbe grandi benefici.

Ma questo potente farmaco, pur ben noto alla comunità medica e scientifica, oggi non potete farvelo prescrivere sui foglietto a quadratini rossi del vostro medico, non viene prodotto dalle aziende farmaceutiche, non viene promosso dagli informatori medico scientifici, non lo potete comprare in farmacia, non si somministra ne’ con pillole, ne’ supposte.

Questo farmaco non è altro che l’esercizio fisico, la cui mancanza è alla base dell’insorgenza di molte patologie, per il semplice fatto che il nostro corpo è ancora geneticamente predisposto alla vita attiva del cacciatore e dell’agricoltore, ma lo costringiamo alla vita sedentaria dell’automobile, della tastiera e della poltrona.

In realtà presso i Paesi più avanzati si sta già delineando una nuova strategia di regolamentazione del farmaco esercizio fisico in modo che esso possa cominciare ad essere prescritto alla stessa stregua degli altri farmaci, anche se non è composto da alcuna molecola chimica.

E dopo la prescrizione, anche la somministrazione dovrà avvenire in un ambito regolamentato esattamente come avviene con gli altri farmaci a base di molecole chimiche autorizzate, prodotte da aziende farmaceutiche accreditate e distribuite da farmacie.

Anche in Italia sono iniziati i primi esperimenti, molto promettenti.

In Emilia Romagna l’Assessorato alla Salute ha avviato un interessante progetto sperimentale che prevede la prescrizione da parte di medici di base opportunamente formati, la somministrazione nell’ambito dei centri di medicina dello sport sul territorio ed il monitoraggio con strumentazione dedicata.

A livello nazionale, molti medici di famiglia, su iniziativa della loro associazione SIMG (Società Italiana di Medicina Generale), stanno cominciando ad organizzarsi per prescrivere il farmaco esercizio fisico e per far sì che la sua somministrazione venga effettuata in modo corretto da parte di organizzazioni certificate, collegate ai loro studi da opportuni software che assicurino che lo specifico protocollo di esercizio fisico prescritto possa essere somministrato senza errori al paziente bisognoso di terapia o di prevenzione.

E’ prevedibile una forte accelerazione in questa direzione anche da parte di organizzazioni ed istituzioni governative preposte alla regolamentazione medica, per le quali è evidente che una corretta attività preventiva e terapeutica basata sull’esercizio fisico consente forti risparmi economici grazie alla riduzione di complicanze, di interventi chirurgici, degenze ospedaliere, disabilità e terapie farmacologiche.